Lombardia in testa alla classifica dei fallimenti

Pubblicato il 22 gennaio 2015

(da Cribis.com)

Nel 2014 si sono registrati 15.605 fallimenti, un numero in crescita del 9% rispetto al 2013 e del 66% rispetto al 2009, l’anno in cui la crisi economica aveva appena iniziato a condizionare la vita del tessuto industriale italiano. In sei anni si contano complessivamente 75.175 imprese chiuse, in un trend di costante aumento mostrato dalle rilevazioni trimestrali.

Nel 2014 la Lombardia si conferma la regione d’Italia in cui si registra il maggior numero di fallimenti, con 3.379 casi, pari al 22,1% del totale nazionale. Dal 2009 ad oggi solamente in questa regione si contano 16.578 imprese ad aver portato i libri in tribunale.
La seconda regione più colpita è il Lazio, con 1.721 imprese chiuse nel 2014 (incidenza sul totale nazionale del 10,5%), la terza la Campania con 1.315 fallimenti (incidenza dell’8,7%). Nelle prime dieci posizioni, seguono Veneto con 1.313 casi, Toscana con 1.205, Piemonte con 1.175, Emilia Romagna con 1.124, Sicilia con 894, Puglia con 762 e Marche con 580.

I macrosettori più colpiti dai fallimenti nel 2014 sono il commercio, in cui si contano oltre 4.200 imprese chiuse, e l’edilizia, con oltre 4 mila casi.

Non abbiamo dati di Lissone ma dobbiamo pensare che anche da noi i dati saranno certamente sconfortanti. Forse le amministrazioni pubbliche dovrebbero cominciare a pensare di orientare i propri sforzi e le proprie energie / risorse  in maniera sempre più decisa ed intelligente al commercio e all’artigianato.


Nessun commento »

Panettieri solidali

Pubblicato il 17 gennaio 2015

Senza tanti proclami, ne pagine Facebook, a Lissone c’è un gruppetto di persone che da Gennaio 2012, ogni sera (in effetti 5 sere la settimana), passa da dei panettieri lissonesi che hanno aderito all’iniziativa per raccogliere il pane e portarlo alla Caritas Lissonese per la distribuzione alle persone che ne hanno bisogno. A parte un ringraziamento che tutti dovrebbero fare a chi dedica qualche era del proprio tempo per aiutare i più deboli senza nessun fine tranne quello della solidarietà, ci preme citare e ringraziare i panettieri:

Meroni – Via Carducci

La Boutique del Pane – Via Buonarroti

Panificio – Via Don Minzoni

Viganò – Piazza Garibaldi

Pane e Capricci – Via S. Agnese

Brambilla – Via S. Rocco

La Tuina – Piazza Libertà

Se c’è qualche persona che volesse dare una mano per la raccolta del pane mandi un SMS a 333 1759228 e verrà ricontattato.


Nessun commento »

Parcheggio di fronte alla scuola Farè

Pubblicato il 14 gennaio 2015

Nella camminata del 9 Novembre, organizzata dal comitato di quartiere CIM, Vialort e Rutunda, avevo segnalato all’assessore ai lavori pubblici che il problema del parcheggio di fronte alla scuola Farè (dove parcheggiano camion e camper) poteva essere facilmente risolto con dei dissuasori tipo quello nella foto.

L’assessore aveva preso nota, ma finora non è successo niente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Nessun commento »

Lissone Città Presepe ma non dell’arredo

Pubblicato il 13 gennaio 2015

Nell’ottimo servizio andato in onda sul TG3 Regionale di qualche giorno fa viene presentata l’iniziativa del Circolo Don Bernasconi “Lissone città presepe” con un filmato che ne mostra le vari espressioni.

Sfortunatamente, ma solo per colpa nostra (dei lissonesi) la voce della giornalista che ha realizzato il servizio esordisce con: “Lissone la città che una volta era la capitale del mobile e dell’arredo …..”.

Questo è quello che “vedono” tutti e con Expo in arrivo non abbiamo molto da offrire, anche perché un po di divanetti, un totem e un po di banner non faranno cambiare  di certo l’opinione dei più.

Ci fosse almeno stato in vita il 100 Firme….. (ma di questo ne parleremo in un altro post)


Nessun commento »

Buon Natale da Lissone in Movimento

Pubblicato il 24 dicembre 2014

Il Direttivo di Lissone in Movimento augura un felice Natale a chi ci legge, a chi ci critica, a chi ci fa i complimenti ma anche a chi pensa che siamo degli illusi, a chi condivide le nostre idee e chi non la pensa come noi.

Ma l’augurio speciale che mi sento di fare è agli artigiani e commercianti di Lissone che lottano ogni giorno con la crisi e con grande forza di volontà portano avanti la loro attività a volte per tradizione di famiglia, altre per sfida personale ed anche, non dimentichiamolo, per preservare i posti di lavoro per i loro collaboratori. A loro va anche il nostro augurio di un 2015 pieno di soddisfazioni e serenità.

Roberto Perego

Segretario Politico – Lissone in Movimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Commenti disabilitati

Registrazione del Consiglio Comunale del 27 Novembre

Pubblicato il 9 dicembre 2014

Nel Consiglio Comunale del 27 Novembre era stato notato un grave gesto (quello dell’ombrello) da parte di un assessore verso un consigliere di minoranza.

Per tutti i cittadini di Lissone che non erano presenti ci si dovrà affidare alle riprese che vengono inserite sul sito del Comune.

Ma ad oggi, dopo 12 giorni lo streaming non è ancora stato creato. Cosa stanno aspettando per renderci partecipi a questa prova di maleducazione?


2 Commenti »

Artigiani Reloaded

Pubblicato il 6 dicembre 2014

Con la produzione di massa al capolinea – dice Harvard Business Review – il futuro della manifattura passa per una nuova generazione di artigiani in grado di sfruttare le nuove tecnologie. Secondo Peter Acton “dopo due secoli in cui la produzione industriale si è consolidata in imprese sempre più grandi, la tecnologia offre oggi opportunità per l’artigiano, con importanti cambiamenti negli stili di vita e nelle carriere”.

Se ne parla  Mercoledi 10 Dicembre alle ore 21.00 a Palazzo Terragni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Commenti disabilitati

Rifiuti in Lombardia

Pubblicato il 29 novembre 2014

Ieri sera in Consiglio Comunale c’è stata ancora una volta la dimostrazione di incoerenza e anche di arroganza di questa Amministrazione.

Di fronte ad una mozione della Lega Lega che essenzialmente chiedeva 2 cose:

1) farsi promotore verso Provincia e Regione della cancellazione dell’art. 35 del decreto “sblocca Italia” (quello che permette la costruzione di nuovi inceneritori di rifiuti) articolo che il PD di Renzi ha voluto a livello nazionale, ma bocciato fortemente dai vari PD a livello provinciale (esempio a Bologna)

2) farsi promotore che la Lombardia non accetti più rifiuti provenienti da altre regioni che dovrebbero cominciare a rendersi indipendenti.

Bene sapete cosa ha fatto questa maggioranza, capitana da un Sindaco che in provincia è stato eletta nelle liste del PD: boccia la mozione della Lega (con i soliti ovvi opportuni distinguo).

Incoerenti perchè pur dichiarandosi contrari a costruire nuovi inceneritori votano contro.

Arroganti perchè fanno sottilmente sapere che loro sono disposti a presentare una mozione per la chiusura degli inceneritori  ma la mozione della Lega non la vogliono approvare.

Quindi cari lissonesi sappiate che questi amministratori vogliono che i rifiuti delle regioni del sud vengano smaltiti qui da noi.


4 Commenti »

C’è un nuovo quartiere a Lissone?

Pubblicato il 27 novembre 2014

Con questo slogan (senza il punto di domanda che mettiamo noi) il Comune ha indetto una votazione “finalizzata a rinominare ufficialmente l’area urbana di Lissone compresa fra via del Pioppo, viale Martiri della Libertà e le vie N. Sauro, T. Vecellio e Mons. Bernasconi”.

Uno ci ha colpito: Borgo Nuovo (chi non si ricorda di Nowa Huta, la città polacca creata da regime comunista per essere nota come la città senza chiese?), poi Girasole, Arcobaleno, uno di riconoscenza (Moscotti), degli Alberi, del Sole, Michelangelo, Primavera, Vittoria (vittoria de che?). Ma il problema non sono i nomi che sono stati scelti da una commissione tra tutte le proposte pervenute, ma, il “suo insindacabile giudizio”.

Quindi hanno fatto le “primarie” ma non hanno reso pubblici i risultati e hanno stilato una lista di 10 nomi. Insomma, come piace dire a loro, delle “primarie farlocche”. Specialmente perché, stando a quanto era apparso su FB, molti volevano che il nome rimanesse quello di sempre ovvero Cruseta, e qualcuno l’ha anche proposto, ma non è dato sapere con che criterio sono stati scelti i nomi.


Commenti disabilitati

Un nuovo problema per il quartiere Rutunda, Vialort e zona CIM

Pubblicato il 25 novembre 2014

Dal Comitato di Quartiere Rutunda, Vialort e zona CIM:

Ecco una nuova grana per il nostro quartiere. I residenti di Via Nobel 34, 36, 38, si sono visti recapitare una lettera dal nostro Comune che li informa della nuova viabilità che andrà ad interessare la loro zona. In pratica si vedranno isolati dal resto della città, il che oltre a causare difficoltà per accedere alla propria abitazione, renderà particolarmente problematico per loro poter usufruire di alcuni servizi (pulizia strade e posta). Che facciamo? Vendiamo l’area a Vedano?

Senza parole. E si che un paio di settimane fa avevamo fatto fare un giro agli assessori per segnalare le problematicità del quartiere. Ci illudevamo che forse qualche problema sarebbe stato risolto ed invece ne creano un altro. 


2 Commenti »



Articoli Recenti