Affidamenti di servizi, forniture e lavori 2018 – parte 1

Pubblicato il 21 maggio 2019

Come ogni anno, anche per il 2018, abbiamo analizzato i dati degli affidamenti di servizi, forniture e lavori. In tutto il 2018 risultano affidamenti per € 11.284.202,31 (mentre nel 2017 erano € 10.561.371,30).

Oggi pubblichiamo una legenda per far capire meglio le tipologie di affidamenti fatti dal Comune di Lissone nel 2018.

Domani pubblicheremo tutti i dati numerici degli affidamenti.

Giovedì le nostre conclusioni

 

Gli affidamenti del 2018 sono stati fatti con con le seguenti procedure:

  1. Procedure aperte: La procedura aperta è una delle procedure di affidamento, da parte di un Ente Pubblico, di lavori, servizi e forniture a cui possono partecipare tutti gli operatori economici dotati delle caratteristiche e qualifiche adatte all’affidamento di un determinato appalto. Insomma aperte a tutti.
  1. Procedura Ristretta: A differenza della procedura aperta, la procedura ristretta prevede che tutti gli operatori qualificati per una tipologia di appalto possono richiedere di partecipare all’assegnazione di un contratto, ma possono presentare un’offerta solo quelli successivamente invitati dalla stazione appaltante.
  1. Procedura negoziata previa pubblicazione del Bando e Procedura negoziata senza previa pubblicazione del BandoLe procedure negoziate sono delle procedure di affidamento (con o senza bando) di un lavoro, servizio o fornitura dove la Stazione Appaltante consulta un numero limitato di operatori economici selezionati (generalmente da un elenco costituito ed aggiornato periodicamente presso una stazione appaltante), dotati delle caratteristiche e qualifiche adatte all’affidamento di un determinato appalto, con i quali “negozia” le condizioni dell’appalto. L’appalto viene infine affidato all’operatore che negozia le condizioni più vantaggiose, in base al criterio di aggiudicazione scelto (minor prezzo, minor costo o miglior rapporto qualità/prezzo).
  1. Affidamenti in economia – cottimo fiduciario: Nell’ordinamento italiano il cottimo fiduciario è una modalità di acquisizione di beni e servizi da parte della pubblica amministrazione rientrante tra le cosiddette procedure in economia, semplificate rispetto alle procedure ordinarie in relazione al modesto valore del contratto o all’urgenza di provvedere. Può essere utilizzato per l’affidamento di un appalto di lavori, forniture o servizi ad un imprenditore o, più in generale, ad un operatore economico (il cottimista); ciò lo distingue dall’altra modalità di acquisizione in economia, l’affidamento diretto, in cui le acquisizioni sono, invece, effettuate con materiali e mezzi propri o appositamente acquistati o noleggiati e con personale proprio della stazione appaltante o eventualmente assunto per l’occasione, sotto la direzione di un funzionario della stessa (il responsabile del procedimento).
  2. Procedura negoziata derivante da avvisi con cui si indice la gara: E’ una procedura negoziata con avvisi di gara, dove la gara può essere indetta mediante uno dei seguenti avvisi: a)avviso periodico indicativo, b) avviso sull’esistenza di un sistema di qualificazione, c) bando di gara.
  1. Affidamenti diretti: Affidamento in economia – affidamento diretto: è una procedura che non prevede un confronto competitivo tra più operatori economici. Questa procedura, che è stata riformata con il nuovo codice degli appalti, dovrebbe essere utilizzata solo per importi sotto soglia o comunque per rispondere a situazioni di necessità e di urgenza.
  1. Affidamenti diretti con adesione ad accordo quadro: Affidamento diretto in adesione ad accordo quadro/convenzione: questa procedura si attiva in seguito alla conclusione di un accordo quadro. In questo primo accordo si definisce una classifica di operatori abilitati a ricevere parte dell’appalto. In seguito la stazione appaltante assegna dei lotti agli operatori precedentemente definiti senza riaprire una competizione.
  1. Confronto competitivo in adesione ad accordo quadro: Se l’accordo quadro non contiene tutti i termini che disciplinano la prestazione dei lavori, dei servizi o delle forniture, riaprire il confronto competitivo tra gli operatori economici e richiedere una proposta migliorativa.
  1. Procedura di scelta NON specificata

(continua)


Nessun commento »

La trasformazione digitale nella pubblica amministrazione

Pubblicato il 9 maggio 2019

Un paio di giorni fa, il 7 Maggio, il Presidente Mattarella ha parlato ad un convegno sulla Trasformazione Digitale nella pubblica amministrazione. Qualche spunto:

“La mancanza di alfabetizzazione digitale porta a diffidenza o a resistenza verso le novità tecnologiche e a volte ritarda la possibilità di migliorare la qualità della vita mediante l’uso dei servizi digitali già disponibili, evitando o eliminando tempi di accesso e di attesa agli sportelli”.

“L’interazione digitale deve rappresentare una opportunità, non una difficoltà o, peggio, essere vissuta da parte dell’utente come una opportunità, non una difficoltà o, peggio, essere vissuta da parte dell’utente come una vessazione, con risultati paradossali o drammatici”.

“Appare necessario riprogettare la Pubblica Amministrazione in un mondo digitale, a servizio del cittadino”

Che dire? La Pubblica Amministrazione, almeno a Lissone, non permette di registrare le riunioni delle commissioni e quelle dei capigruppo ma deve avere un “verbalizzante”. La registrazione che costerebbe meno e sarebbe disponibile subito, non va bene: spediamo soldi per redigere un verbale e lo mandiamo agli interessati a volte anche dopo un mese.

Le riunioni stesse devono essere fatte di persona mentre potrebbero essere fatte via Skype o Webex. Questi mezzi sono considerati troppo tecnologici non capendo la sostanziale differenza che chi vuole potrà sempre presenziare di persona ma chi non vuole o non può potrebbe partecipare da remoto con questi mezzi.

Siamo indietro decine di anni rispetto a quello che auspica il Presidente della Repubblica, e forse uno svecchiamento della classe politica diventa quasi un obbligo.


Nessun commento »

Emendamento n. 3 allo Statuto: sessioni pubbliche

Pubblicato il 4 maggio 2019

VISTO l’Art. 10 – Funzionamento del Consiglio Comunale che al comma 6) recita: “Le sedute del Consiglio e delle Commissioni sono pubbliche, salvi i casi previsti dal regolamento.” 

PROPONE Al Consiglio Comunale il seguente emendamento all’articolo 10 “Funzionamento del Consiglio Comunale” cambiando il comma 6 in:

“Le sedute del Consiglio, delle Commissioni e della conferenza dei Capi Gruppo sono pubbliche, salvi i casi previsti dal regolamento.”

Con questo emendamento ci proponiamo da un lato aumentare la trasparenza delle amministrazioni verso i cittadini e dall’altro aprire alle nuove tecnologie di partecipazione.


Commenti disabilitati su Emendamento n. 3 allo Statuto: sessioni pubbliche

Emendamento n.2 allo Statuto: Presidenza delle Commissioni

Pubblicato il 3 maggio 2019

Come già precisato i prossimi 6 e 7 maggio in Consiglio Comunale si discuterà del nuovo Statuto Comunale.

Ho sottoposto questo emendamento:

VISTO L’Art. 8 – Prerogative dei Consiglieri Comunali, PROPONE

Al Consiglio Comunale il seguente emendamento all’articolo 8 “Prerogative dei Consiglieri Comunali” inserendo un nuovo comma 10) con il seguente testo:

“Per motivi di trasparenza ed equità politica spetta ad un consigliere di minoranza la Presidenza di una delle due commissioni consiliari permanenti stabilite dalla legge: Commissione Affari Istituzionali o Commissione Bilancio.”

Pensiamo che questo emendamento possa ristabilire una situazione di bilanciamento e controllo dei poteri, come avveniva, peraltro, prima del 2017.


Commenti disabilitati su Emendamento n.2 allo Statuto: Presidenza delle Commissioni

Emendamento allo Statuto: Crocefisso nelle aule scolastiche

Pubblicato il 2 maggio 2019

Il 6 e 7 Maggio si discuterà in Consiglio Comunale il nuovo Statuto Comunale.

Il nostro gruppo Lissone in Movimento e Lissone Futuro ha sottoposto 3 emendamenti, il primo dei quali è il seguente:

Emendamento all’articolo 3 “I Principi” inserendo un nuovo comma 1) e rinumerando tutti gli altri commi dello stesso articolo con il seguente testo:

“Memore della propria millenaria tradizione cristiana, culla della nostra cultura, di libertà, di giustizia, di solidarietà, di pace e di rispetto delle persone, il Comune di Lissone espone in modo permanente, nei locali di rappresentanza più significativi dei propri immobili e nelle aule scolastiche, il Crocefisso”

Non sussistendo argomentazioni contrarie né di natura giuridica né di natura Costituzionale speriamo che la scelta dei Consiglieri Comunali sia basata su una scelta che risponde solo ed esclusivamente alla propria coscienza e non alle ideologie.

Crocefisso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Commenti disabilitati su Emendamento allo Statuto: Crocefisso nelle aule scolastiche

Concorso di idee per la riqualificazione di Piazza Libertà

Pubblicato il 26 aprile 2019

Come saprete è stato indetto un bando per la riqualificazione della Piazza Libertà.

Vi spieghiamo chi e come si voterà per scegliere il progetto definitivo.

A fine Marzo sono stati presentati 20 progetti.

Ora una Commissione composta da 5 membri (Componente esperto di rilevanza nel tema della progettazione urbana: Arch. Luca MOLINARI, Componente esperto in materia di di economia urbana o marketing territoriale: Prof. Luca TAMINI, Presidente: arch. Paola Taglietti, Dirigente del Settore Pianificazione e Gestione del Territorio, Componente nominato dall’Ordine degli Architetti P., P. & C. della Provincia di Monza e della Brianza: arch. Marco BALLARE’, Componente nominato dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Monza e della Brianza: ing. Cristina MINA’) dovrà esaminare i progetti e decidere i tre finalisti secondo 4 aree di merito:

  1. Qualità urbanistica (25 punti)
  2. Qualità architettonica (25 punti)
  3. Aspetti funzionali e relazionali (25 punti)
  4. Aspetti costruttivi ed economici (25 punti)

Poi la parola passerà ai lissonesi.

Vediamo con un esempio come si voterà. Se la votazione degli esperti fosse:

  • Progetto 1: 85 punti
  • Progetto 2: 80 punti
  • Progetto 3: 75 punti

Questi punti verranno riparametrati a 100, ovvero

  • Progetto 1: 100 punti
  • Progetto 2: 94 punti
  • Progetto 3: 88 punti

Poi toccherà ai cittadini votare il progetto (che saranno esposti in alcuni punti di Lissone). Anche qui facciamo un esempio. Se andassero a votare 1000 cittadini e i voti ottenuti sarebbero:

  • Progetto 1: voti 100 (10%)
  • Progetto 2: voti 300 (30%)
  • Progetto 3: voti 600 (60%)

Questi voti verrebbero trasformati in punti (per un massimo di 30 punti)

  • Progetto 1: voti 100 (10%) = 3 punti
  • Progetto 2: voti 300 (30%) = 9 punti
  • Progetto 3: voti 600 (60%) = 18 punti

 Il totale sarebbe:

  • Progetto 1: punti 100 + 3 = 103
  • Progetto 2: punti 94 + 9 = 103
  • Progetto 3: punti 88 + 18 = 106

Con questo esempio i cittadini potrebbero ribaltare il giudizio degli esperti


Commenti disabilitati su Concorso di idee per la riqualificazione di Piazza Libertà

Comunicazioni nel Consiglio Comunale del 17 Aprile 2019

Pubblicato il 18 aprile 2019

In questo video potrete trovare le comunicazioni del Consigliere Roberto Perego durante il Consiglio Comunale del 17 Aprile 2019. Avrei voluto mettere anche i commenti e le risposte di Sindaco e Assessori ma nessuno ha risposto alle richieste.


Commenti disabilitati su Comunicazioni nel Consiglio Comunale del 17 Aprile 2019

Consiglio Comunale mercoledì 17 e giovedì 18 Aprile

Pubblicato il 16 aprile 2019

Il 17 e 18 Aprile è convocato un Consiglio Comunale con il seguente ordine del giorno:

  1. Comunicazioni
  2. Rendiconto di gestione 2018
  3. Approvazione modifiche al Regolamento dei Controlli interni

Commenti disabilitati su Consiglio Comunale mercoledì 17 e giovedì 18 Aprile

Riqualificazione della Piazza: stasera si decide come coinvolgere i lissonesi

Pubblicato il 15 aprile 2019

Questa sera alle 19.30 in Villa Magatti (vecchio Comune) si riuniscono 3 commissioni (Territorio, Lavoro e Cultura) con all’ordine del giorno: “Percorso partecipativo all’interno del concorso di idee per la riqualificazione della Piazza Libertà e del centro storico”.

Le riunioni delle commissioni sono pubbliche e quindi ogni cittadino potrà assistervi.

Non è chiaro se la Giunta arriverà con una sua proposta (e quindi nessuno potrà dire niente) oppure i membri della commissione potranno esprimere il loro parere.

In ogni caso è una bella occasione per vedere cosa si deciderà.


Commenti disabilitati su Riqualificazione della Piazza: stasera si decide come coinvolgere i lissonesi

Progetto SIMON

Pubblicato il 10 aprile 2019

Abbiamo presentato una mozione, che se approvata, farebbe partire il progetto SIMON a Lissone.

Questo è un progetto sponsorizzato dalla Comunità Europea e questa è la presentazione ufficiale:  https://www.youtube.com/watch?v=6xW2KJDU9YI&feature=youtu.be

In sintesi:

SIMON è un progetto orientato alla promozione della vita indipendente e la partecipazione sociale di persone con mobilità ridotta nel contesto di aree di parcheggio pubbliche e modalità di trasporto multiple, attraverso l’adozione di specifiche informazioni di navigazione e soluzioni per la gestione dei diritti di accesso.

 

In questo stesso contesto, SIMON migliora le funzionalità della carta di parcheggio europea per le persone disabili con tecnologie contactless e integra soluzioni mobili per supportare l’identificazione unica dell’utente nei misuratori di parchi esistenti, preservando al contempo la privacy.

SIMON implementa quattro nuove piattaforme di servizi che supportano:

  • Gestione dei diritti di accesso per le aree di parcheggio: la piattaforma SIMON SAYS.
  • Assistenza alla navigazione e alla mobilità: la piattaforma SIMON ANSWERS.
  • Prenotazione di posti auto riservati e informazioni sullo stato (occupato o libero) dei parcheggi: la piattaforma SIMON BOOKS.
  • Gestione dell’accesso alle aree riservate, ad esempio zone pedonali, aree residenti controllate da sistemi di riconoscimento delle targhe – per garantire l’accesso agli utenti a mobilità ridotta: SIMON APRE.

SIMON

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Commenti disabilitati su Progetto SIMON



Articoli Recenti