Piano Triennale delle Opere Pubbliche: la ciclabile di via Pacinotti

Lissone in Movimento | Senza categoria | Mar 15, 2019| No Comments »

Stiamo parlando del completamento della pista ciclabile di via Pacinotti da via Majorana fino al confine con via Europa di Vedano al Lambro dove sono già stati spesi circa 600.000€

L’intervento comprende:

  • realizzazione della pista ciclabile (larghezza 2,50 m);
  • realizzazione di marciapiedi nei tratti mancanti;
  • adeguamento della sede stradale;
  • opere funzionali alla messa in sicurezza dell’accesso/uscita all’area carico/scarico della ditta Brugola.

Per realizzare questo intervento ci sono sul tavolo 3 alternative:

Alternativa n. 1 – Lavori minimali

  • realizzazione di un percorso ciclo-pedonale senza espropri;
  • mantenimento sede stradale residua.

Pro: Spesa limitata e nessuna procedura di esproprio; Tempi di intervento limitati, Qualità urbanistica e sicurezza limitate

Contro: L’infrastruttura risponde solo parzialmente agli obiettivi e ai fabbisogni posti, Discontinuità nella soluzione rispetto alla tratta già esistente;

Alternativa n. 2 – Interventi maggiormente complessi

  • realizzazione sul lato sud della strada esistente di una pista ciclabile bidirezionale da 2,50 m separata da un cordolo largo 50 cm, conforme alle norme per le piste ciclabili;
  • realizzazione tratti di marciapiede pedonale mancanti
  • attuazione procedura espropriativa ;
  • adeguamento sede stradale residua (3,25mx2+banchine) con messa in sicurezza accesso aree di carico-scarico e creazione area di sosta per mezzi pesanti
  • connessione con percorso ciclopedonale esistente in comune di Vedano al Lambro, tenendo conto della sistemazione dell’intersezione a seguito del progetto di realizzazione della SP Monza-Carate;

Pro: L’infrastruttura risulta pienamente adeguata per soddisfare tutti i fabbisogni e obiettivi posti; Continuità con il precorso ciclabile esistente in via Pacinotti e possibile collegamento alla rete dei percorsi ciclabili intercomunali.

Contro: Investimenti maggiormente ingenti;  Tempi di realizzazione più lunghi con possibili complicazioni amministrative per procedure espropriative;

 Alternativa n. 3 (non realizzazione dell’intervento)

Pro (benefici, utilità): Investimenti particolarmente ridotti (eccettuati i costi necessari per il solo  mantenimento dell’integrità della sede stradale);

Contro (costi): L’infrastruttura non risulta adeguato per soddisfare alcuno dei fabbisogni e obiettivi posti a base del progetto;

La Giunta ha scelto la soluzione n.2.

A che costi:

LAVORI (opere stradali, marciapiedi, impianti, fognature): 155.000,00€

IVA sui lavori (22%): 34.100,00 €

Espropriazioni di aree: 30.000,00 €

Spese e incentivi tecnici: 15.500,00 €

Imprevisti e lavori in economia: 15.400,00 €

TOTALE PROGETTO : 250.000,00 €

Non esprimiamo alcun giudizio su questo ulteriore versamento di soldi nostri per un opera inutile e pericolosa.

Leave a Reply